Navigazione veloce

Scuola Primaria Colonnello LUGLI

  • via Manara, 10
    loc. S Croce
    I-41012 Carpi
    tel. 059 664 312
    CODICE MECCANOGRAFICO MOEE817047
  • L’attività didattica della Scuola Lugli è organizzata a Modulo in verticale e funziona per 27 ore settimanali per tutti gli alunni. I bambini frequentano dalle ore 8.00 alle ore 13.00 tutti i giorni con un rientro dalle 14.15 alle 16.15 secondo un calendario annuale. E’ inoltre possibile usufruire del servizio mensa in gestione al CSI nella sola giornata di rientro e di un servizio di pre-scuola, dalle ore 7.30 alle ore 8.00, che accoglie gli alunni che ne fanno richiesta e quelli che usufruiscono del servizio di trasporto organizzato dal Comune di Carpi, attivato solo in caso di raggiungimento del numero minimo.
  • Il nuovo plesso dispone di ampie aule luminose ed accoglienti, arredate secondo le indicazioni montessoriane con arredi bassi e organizzato ad angoli, ricco di materiali strutturati. Inoltre sono presenti il laboratorio di informatica, un’aula di lettura/mediateca, provvista di lim, computer e stampante, di un laboratorio per le attività artistiche e scientifiche, di un laboratorio di musica fornito di strumentario Orff, delle campane montessoriane e materiale strutturato per l’insegnamento della musica, una lim con computer e stampante come arricchimento per le attività; di un’aula morbida ricca di materiale sensoriale Montessori e filomontessoriano per consentire  ai bimbi diversamente abili di lavorare e di rilassarsi. La palestra è ampia, dotata di attrezzature per le diverse discipline sportive, oltre a due spogliatoi. L’esterno della scuola è arricchito da un ampio giardino e dal cortile pavimentato, utilizzati dagli studenti per i momenti di gioco e svago, nonché come spunto per l’osservazione dell’ambiente circostante, da alcune aree organizzate ad orto per consentire ai bambini di coltivare la terra e vedere in campo lo sviluppo delle piante.
  • Nella scuola sono presenti: 3 LIM, lettore dvd, 6 computer + 2 pc portatili, 2 stampanti, programmi didattici per computer, stereo, lettori cd, fotocopiatrice, macchina fotografica digitale, document camera, microscopi digitali, attrezzature scientifiche e musicali.
    Il nuovo edificio è stato progettato e realizzato cablando tutti gli spazi a disposizione, perciò la disponibilità di usufruire di tecnologie è immediata nonché contemporanea alle diverse classi. L’aula di lettura è stata arricchita di nuovi libri con le ultime novità dell’editoria riservata ai lettori di questa fascia d’età.
  • La scuola Lugli, partita da una sperimentazione montessoriana solo per l’ambito matematico sei anni fa, è diventata scuola Montessori nell’aprile 2016 riconosciuta dal ministero e dall’Opera Montessori, prima scuola statale Montessori della Regione.UN PRINCIPIO PER GUIDA(link: www.operanazionalemontessori.it)

    C’è un presupposto indispensabile per realizzare una scuola autenticamente montessoriana, ed è quello della massima fiducia nell’interesse spontaneo del bambino, nel suo impulso naturale ad agire e conoscere.

    Se è posto in un ambiente adatto, scientificamente organizzato e preparato, ogni bambino, seguendo il proprio disegno interiore di sviluppo e i suoi istinti-guida, accende naturalmente il proprio interesse ad apprendere, a lavorare, a costruire, a portare a termine le attività iniziate, a sperimentare le proprie forze, a misurarle e controllarle.

    A questo principio l’adulto deve ispirare la sua azione e in particolare i due suoi compiti fondamentali:

    • saper costruire un ambiente suscitatore degli interessi che via via si manifestano e maturano nel bambino;
    • evitare, con interventi inopportuni, un ruolo di disturbo allo svolgimento del lavoro, pratico e psichico, a cui ciascun bambino va dedicandosi.

    Ha scritto Maria Montessori che l’obiettivo a cui puntare “è lo studio delle condizioni necessarie per lo sviluppo delle attività spontanee dell’individuo, è l’arte di suscitare gioia ed entusiasmo per il lavoro. Il fatto dell’interesse che spinge ad una spontanea attività è la vera chiave psicologica” dell’educazione. “Lo sforzo del lavoro, dello studio, dell’apprendere è frutto dell’interesse e niente si assimila senza sforzo (…). Ma sforzo è ciò che si realizza attivamente usando le proprie energie e ciò a sua volta si realizza quando esiste interesse (…). Colui il quale nell’educare cerca di suscitare un interesse che porti a svolgere un’azione e a seguirla con tutta l’energia, con entusiasmo costruttivo, ha svegliato l’uomo” (M. Montessori, Introduzione a Psicogeometria).

    Interesse, attività e sforzo sono i caratteri del lavoro spontaneo e autoeducativo nel quale il bambino si immerge con entusiasmo e amore, rivelando e costruendo le qualità superiori dell’uomo. Aiutami a fare da solo non è uno slogan pedagogico, ma una domanda ‘scientifica’ posta dalla natura stessa del bambino. Il compito dell’educatore è quello di liberare il bambino da ciò che ostacola il disegno naturale del suo sviluppo.